;

Federico Ghera


Il mio primo CVC è stata un’esperienza per me nuova; non avevo mai vissuto una convivenza così profonda e gioiosa, insieme a tante belle persone. Mi ha impressionato l’atmosfera gioviale che sin dal primo momento si è respirata fra di noi; in quattro giorni ho scoperto tante cose, altre le ho ritrovate: una di queste è il mio rapporto con gli altri e con Dio. I miei momenti spirituali mi si presentavano sempre come un “dovere” da buon cristiano, un onere che quasi mi pesava.

Ho avuto qui l’occasione per comprendere quale sia, invece, il “piacere” di conversare con Dio, di cantare in suo nome insieme agli altri, di vivere gioiosamente il singolo momento della preghiera.

Il “quinto giorno” è stato di tante, piccole sensazioni gradevoli: avevo voglia di raccontare a più persone possibili questa esperienza, esternare la gioia che mi era stata donata, liberare tanta energia positiva. Naturalmente, è difficile fare tutto questo nell’ambiente quotidiano, nella vita di tutti i giorni.

In famiglia non ho incontrato difficoltà, visto che mia madre ha vissuto tantissimi Corsi e convivenze di Vita Cristiana assieme a mio padre, che purtroppo ora non c’è più. Non è stato necessario descriverle per filo e per segno cosa avessi fatto quei quattro giorni; le è bastato guardarmi negli occhi.

Il fatto più piacevole è successo pochi giorni dopo il ritorno a casa. Nella cassetta della posta ho trovato una lettera indirizzata a me; era di un ragazzo con cui avevo vissuto il Corso. Le sue parole mi hanno profondamente colpito ed emozionato; ho scoperto di aver dato qualcosa di bello ad un amico.

Il Corso deve continuare nella vita di tutti i giorni, deve essere vissuto nei rapporti con i familiari, gli amici ed anche con coloro che non conosciamo. Per seguire l’esempio di Gesù non servono cose grandissime: a volte un sorriso in più, un favore, una rinuncia possono far felici gli altri e noi stessi.

Federico da Grottaferrata (RM) (31° CVC)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *