;

Giulia Raponi


Ecco qui 🙂:)

…Oserei iniziare con questa frase: “Nulla accade per caso”.
Perché iniziare cosi? Perché ogni singolo atto, gesto, pensiero compiuto da me medesima in 20 anni è stato funzione di un progetto predestinato. Come pensare questo? C’è qualcuno che mi osserva, che mi pedina, oppure un semplice wow? =)=)
Io sono Giulia, ho 20 anni e sono di Rocca Priora. Credevo di essere una cristiana cattolica praticante. Credevo.
Prima di questo corso la mia vita era funzione di ciò che le persone pensavano, direi piatta. Ero un po’ come la Borsa: funzione delle opinioni altrui, per di più oscillante. Avevo paura di essere “giudicata” e di non essere accettata dalla massa di gente che mi circondava, e quindi mi limitavo ad andare a messa, a volte anche svogliata. Vedevo nel rosario una perdita di tempo, e dicevo che bastava pensare ogni tanto a quell’Amico e dedicargli una preghiera. Ho partecipato a questo corso CVC perché un bel giorno, il mio caro amico Silvi8, mi disse “Ci sarai al CVC quest’anno?”. Neanche ci ho pensato, e cosi gli risposi si, semplicemente. Era molto scettico, anche perché l’anno precedente gli avevo dato questa risposta, ma non mi sono presentata a causa di un esame. Aveva paura che avrei disdetto il giorno prima o poche ore prima della partenza. Ma Lui mi aveva chiamato, e nessuno mi avrebbe fermato. Silvio è stato uno strumento del Signore.
Il corso per me è stato un vortice di emozioni forti, VERE! Ero certa che sarebbero stati 4 giorni intensi, ma non immaginavo fosse cosi potente l’Amore del Signore. Per una ragazza che frequenta una facoltà economica, cosa sono 96 ore? Si suol dire che nel breve periodo cambia il necessario, il superfluo…Eppure mi sono dovuta ricredere…
Ogni singolo momento mi faceva avvicinare a Cristo, inconsapevolmente! Nei miei silenzi, nei lavori in gruppo, nelle chiaccherate che tendevano all’infinito ^^ Era cosi splendido… Mi sentivo protetta, finalmente ero felice! Ogni persona incontrata in questo cammino, a partire dai corsisti fino ad arrivare agli animatori e ai padri spirituali, mi ha donato un pezzo del loro cuore, e ognuno di loro ha contribuito a rendermi come adesso mi sento. Ma, al centro di tutto, c’è sempre e solo lui, l’Amico con la A maiuscola!
Finito il corso ritornare alla vita quotidiana non è stato difficile come credevo. A differenza di prima, sento il bisogno di avvicinarmi di più a Lui, perché so che Lui mi dà la gioia vera…Mi manca ogni singolo momento vissuto, ma questo mi rende più forte e vive in me un’emozione cosi forte che ha bisogno di esplodere e di essere raccontata, proprio come sto facendo qui. Gesù è con me, in ogni momento. Anche sull’autobus, nel traffico, mentre ascolto la mia canzone preferita. ^^
12-12-2011 : Inizia la mia nuova vita. E anche questo non è stato un caso. 🙂:-)

Giulia R. (2°CVC 2011)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *